22 ottobre 2014

CONTRIBUTI EDITORIA. 70 MILIARDI DI VECCHIE PER LA PADANIA, QUOTIDIANO DELLA LEGA NORD. NELLA MANCIUGLIA NON POTEVA MANCARE RADIO PADANIA LIBERA. MA SCANDALI E CORRUZIONE ANCHE PER I "LUMBARD"



70 miliardi di vecchie lire per La Padania e Radio Padania Libera
Non potevano mancare contributi, agevolazioni, tariffe postali agevolate, per Radio Padania Libera.
Ma scandali e corruzione anche per i "Lumbard"







I contributi dell'editoria 2003-2012 per la Padania ammontano a 36.076.150,84 di euro, quasi 70 miliardi delle vecchie lire.
Ci sono anche le tariffe postali agevolate per la spedizione di prodotti editoriali previsto dal Decreto legge 24 dicembre 2003, il riconoscimento del diritto all'applicazione delle riduzioni tariffarie telefoniche, elettriche e ai canoni  di abbonamento via satellite, i contributi alle emittenti radiofoniche pari al 60% degli abbonamenti di stampa e informazione (Radio Padania Libera).
Legge 25 febbraio 1987 n 67 e art 8 della Legge 7 agosto 1990, n. 250

























Anno 2006












 





Fonte




 Gli scandali.
C'è un'inchiesta in corso per le spese pazze del consiglio Regionale del Piemonte. Al governatore leghista Roberto Cota, accusato di peculato per aver ottenuto pure i rimborsi illeciti, tra cui  40 euro per un paio di “mutande verdi” (dei bermuda color kiwi acquistati durante un viaggio negli Stati Uniti), un set contenente  spazzolino, dentifricio, deodorante, 4 pacchetti di sigarette e un gelato. Gianfranco Novero (lega nord) si è fatto rimborsare campanacce per bovini, bardature per cavalli, una bronzina per carrozze, la gastronomia per il battesimo del nipote.

Tangenti alla Lega in Veneto, c'è un'indagine segreta.
La procura di Milano indaga su dieci milioni di euro versati al partito nel 2011. L’ex cassiere Belsito e il suo consulente Bonet accusano il sindaco di Verona, Flavio Tosi, e l’ex primo cittadino di Treviso, Giancarlo Gobbo, di aver quantomeno avallato un sistema di finanziamento parallelo ed esclusivo (l'espresso).

La Lega copriva il 'rosso' del Trota e pagava l'università di suo fratello. Nell'inchiesta della Procura di Milano sui fondi del Carroccio, che ha fatto un salto di qualità con l'avviso di garanzia per il Senatur, i suoi due figli e il Senatore Piergiorgio Stiffoni (repubblica milano)

Cene, viaggi, soggiorni e alberghi pagati ai figli di Umberto Bossi, alla moglie Manuela Marrone e all'ex vicepresidente del Senato, Rosy Mauro. Altri soldi utilizzati per ristrutturare la villa del leader del Carroccio a Gemonio e altri ancora per pagare la campagna elettorale di Renzo Bossi alle regionali del 2010. Le casse della Lega Nord - secondo i magistrati - erano un bancomat di famiglia, con la particolarità che i soldi prelevati dall'ex tesoriere Francesco Belsito provenivano dai finanziamenti pubblici del quattro per mille dell'Irpef e dei rimborsi elettorali. (il sole 24ore)

Dai lingotti ai diamanti: Il tesoro leghista. Cinque chili di lingotti d'oro e i diamanti acquistati dall'ex tesoriere della Lega Nord, Francesco Belsito, alla fine dello scorso anno. Un investimento che dovrebbe aggirarsi attorno ai 300mila euro. Investimento in diamanti (circa 100mila euro). La segretaria amministrativa del Carroccio, Nadia Dagrada, interrogata dai pm il 3 aprile, ha raccontato un episodio che si riferisce a soldi in nero (20 milioni di lire) consegnati qualche anno fa da Umberto Bossi all'ex tesoriere Balocchi. Ha sostenuto anche il Sinpa sindacato padano fondato da Rosy Mauro (espulsa dal partito) ha ottenuto un finanziamento di 60mila euro (il sole 24 ore)

Belsito riconsegna alla Lega Nord i diamanti, i lingotti e l'Audi di Bossi jr.
L'ex tesoriere della Lega Nord, indagato dalle Procure di Milano, Napoli e Reggio Calabria,ha provveduto a consegnarli. Cota: "I diamanti saranno venduti e i soldi andranno alle sezioni"

La ''truffa'' di Radio Padania. "L’emittente radiofonica della Lega Nord, Radio Padania Libera, è una radio comunitaria (come Radio Maria) e tramite un emendamento presentato da un suo stesso deputato, Davide Carlo Caparini, dal 2001 può occupare frequenze libere su tutto il territorio nazionale senza pagare un soldo. Le frequenze che acquisisce gratuitamente servono solo ad essere poi cedute a titolo oneroso o in permuta a emittenti radiofoniche commerciali con differenze di valore che hanno fatto ottenere plusvalenze ingenti (Blog di Beppe Grillo)

Tangenti a Lega Nord e Pdl: "Così funziona in Lombardia"
Gilbero Leuci, indagato nell'inchiesta che coinvolge Boni, ai pm: "Soldi destinati pro quota ai partiti. Vi spiego il sistema" (libero)

Maroni: accusato di concussione
Il governatore della Lombardia accusato di concussione per delle raccomandazioni. Ma il vero obiettivo delle toghe sono le presunte mazzette incassate dal Carroccio (finanza in chiaro)

Tangenti, due assessori della Lega Nord arrestati nel Bresciano (romagna oggi)

Venezia. Tangente da 15mila euro: arrestato assessore della Lega Nord (il gazzettino)

Corruzione, in Piemonte perquisiti due leghisti. Nei guai l'assessore Giordano e Cortese, rappresentante Expo (lettera 43

Dopo le indagini sui rimborsi elettorali e su Finmeccanica, arrivano le quote latte. E cosi' un'altra inchiesta travolge la Lega Nord. Nella notte gli uomini della guardia di Finanza hanno passato al setaccio il quartier generale del Carroccio in Via Bellerio e la sede di Torino (altalex)


Ecco la lista dei leghisti indagati/condannati in parlamento.
Lista aggiornata a ottobre 2012



  • ALESSANDRI Angelo (Lega Nord) - indagato per finanziamento illecito ai partiti.
  • BOSSI Umberto (Lega Nord) - condannato a 8 mesi di reclusione per finanziamento illecito, 1 anno per istigazione a delinquere, 1 anno e 4 mesi per vilipendio alla bandiera poi indultati, oggi è indagato per truffa ai danni dello Stato.
  • BRAGANTINI Matteo (Lega Nord) - condannato in appello per propaganda razziale.
  • BRIGANDI' Matteo (Lega Nord) - condannato in primo grado per truffa aggravata alla regione Piemonte.
  • CALDEROLI Roberto (Lega Nord) - indagato per ricettazione, resistenza a pubblico ufficiale prescritto. Indagato per truffa dal Tribunale dei ministri, i senatori votano contro l’autorizzazione a procedere.
  • CAPARINI Davide (Lega Nord) - resistenza a pubblico ufficiale prescritto.
  • CASTELLI Roberto (Lega Nord) - indagato per abuso d'ufficio patrimoniale, il Senato vota totale immunità.
  • MARONI Roberto (Lega Nord) - condannato per oltraggio e resistenza a pubblico ufficiale (pena commutata in multa).
  • PINI Gianluca: (Lega Nord): indagato per millantato credito.
  • (tgcom 24)




    Orgogliosi di essere Siciliani prima e forestali dopo!

    1) Per la Lega gli operai forestali del sud non devono esistere  
    2) Mandare a casa il 95% dei forestali della Sicilia
    3) Il cavallo di battaglia dell'On. Salvini
    4) Salvini: Proposta choc, la polemica con il Sud, assumiamo mille forestali
    5) I forestali del Sud sono l'incubo della Lega Nord
    6) Luca Zaia  Presidente della Regione Veneto
    7) Luca Zaia  Presidente della Regione Veneto (2)
    8) Luca Zaia  Presidente della Regione Veneto (3)
    9) On. Massimo Bitonci (lega nord): Interrogazione su sblocco risorse per forestali
    10) Bitonci Lega Nord: Renzi deve spiegare ai contribuenti del nord che i forestali siciliani sono penalizzati e noi dobbiamo pagargli lo stipendio
    11) On. Giovanna Negro (lega nord): Stabilizzazione degli operai forestali del nord
    interpellanza dell'on. giovanna negro (lega nord)

    12) Zaia: "Voglio i costi standard. No a 22mila forestali in Sicilia" 
    13)  I forestali sono la punta dell'iceberg che si nota di più. un iceberg che, a dispetto della temperatura locale, cresce ogni anno 







     

    Nessun commento:

    Posta un commento

    Ogni commento anonimo sarà cestinato, verranno pubblicati tutti tranne quelli offensivi e/o volgari, si ricorda che commentare significa anche assumersi la responsabilità di ciò che si dice. Qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi. Quelli con profilo Anonimo DEVONO essere firmati alla fine del commento altrimenti saranno cancellati. Il titolare del blog declina ogni responsabilità per i commenti rilasciati da terzi. Le immagini pubblicate sono quasi tutte tratte da internet e quindi valutate di pubblico dominio. Qualora il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del blog che provvederà alla loro rimozione.