05 dicembre 2013

LE PROPOSTE DEI CONFEDERALI SUL RIORDINO FORESTALE







Cliccare per ingrandire


05 Dicembre 2013
http://www.flaipalermo.it/sicilia/wp-content/uploads/2013/12/PROPOSTE-DI-FAI-FLAI-UILA-testo-riformulato-dic.2013.pdf









2 commenti:

  1. Centorbi Salvatore6 dicembre 2013 22:19

    Solo pochi giorni fà la uila-uil di Catania pubblicava questo documento di seguito postato:
    UILA UIL CATANIA
    E’ URGENTE ED INDISPENSABILE UNA NUOVA STRATEGIA SINDACALE PER IL RILANCIO E LA STABILIZZAZIONE DEL LAVORO FORESTALE DAL 2014
    La UILA di Catania, nell’ambito delle consultazioni sindacali regionali fra FAI – FLAI e UILA per il riordino della legge, sta portando avanti con grande determinazione il progetto di una riqualificazione del lavoro dei forestali.
    Infatti, in coerenza con la piattaforma formulata da oltre un anno sulle nuove competenze dei forestali, in parte recepita con l’art. 25 della finanziaria 2013, che solo la UILA ha indicato per rivoluzionare il ruolo e la dignità del comparto forestale, si sta cercando di definire una proposta regionale da consegnare subito al Governo per la stabilizzazione graduale dei forestali.
    La UILA di Catania è più che mai convinta che le vecchie logiche basate sulla richiesta di giornate aggiuntive non sia più proponibile, ed è proprio per questo motivo che non si è applicato l’accordo del 2009 in modo continuativo, perdendo le giornate ottenute nel 2010 e nel 2011: non servono nuove illusioni!
    Pertanto riteniamo di dover procedere senza ripensamenti e con ogni mezzo di trattativa e di lotta democratica per raggiungere i seguenti obiettivi dal 2014:
    - Riqualificazione dei lavori all’interno dei boschi con la valorizzazione della produttività, della fruizione turistica, della tutela e prevenzione ambientale attraverso una programmazione annuale che superi le decine di perizie frammentarie che snaturano e sviliscono la qualità del lavoro forestale
    - Applicazione dell’art. 25 della finanziaria per utilizzare le capacità tecnico – professionali dei lavoratori forestali nell’ambito della tutela e manutenzione del verde pubblico, dei siti archeologici, dei consorzi e delle riserve, degli spazi di competenza demaniale – provinciale e di interesse pubblico
    - Eliminazione del principio che il lavoro forestale spreca risorse pubbliche per affermare che più aumenta il lavoro dei forestali e più risorse si risparmiano, perché con la stabilizzazione dei forestali la Regione, i Comuni e gli Enti Locali non solo risparmiano milioni di euro nella gestione del verde degli spazi pubblici ma si realizza, cosa mai accaduta, la possibilità di vivere in ambienti protetti e curati. Pochi sanno che il costo del verde pubblico complessivo in una provincia come quella di Catania supera abbondantemente quello di tutti i lavoratori forestali in Sicilia!
    - Unificazione della categoria sotto un unico datore di lavoro e unica cabina di regia, con avviamenti diretti senza l’inutile perdita di tempo degli Uffici di Collocamento
    La UILA di Catania, quindi, farà valere queste ragioni affinché dal 2014 si veda cessare la vergogna di un lavoro precario, degli stipendi percepiti con grande ritardo che offendono la dignità del lavoro e dei lavoratori. Non faremo sconti a nessuno né al Governo né a chi si oppone a questa logica di grande rinnovamento e invitiamo tutti i lavoratori a sostenere la nostra causa!
    Il Segretario Generale Provinciale UILA
    Antonino Marino

    secondo voi c'è una coerenza con quanto postato nel documento attuale?
    io credo che la presa per il c...o è al compimento ...per il resto fate voi.

    RispondiElimina
  2. Secondo me stanno elaborando tutto ciò per sistemare i loro discepoli.No 700mila iscritti , ma tutti dovrebbero lasciare i confederali. Pensano solo alle loro tasche.

    RispondiElimina

Ogni commento anonimo sarà cestinato, verranno pubblicati tutti tranne quelli offensivi e/o volgari, si ricorda che commentare significa anche assumersi la responsabilità di ciò che si dice. Qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi. Quelli con profilo Anonimo DEVONO essere firmati alla fine del commento altrimenti saranno cancellati. Il titolare del blog declina ogni responsabilità per i commenti rilasciati da terzi. Le immagini pubblicate sono quasi tutte tratte da internet e quindi valutate di pubblico dominio. Qualora il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del blog che provvederà alla loro rimozione.