16 maggio 2015

INCENDI. BREVE VADEMECUM PER GLI IMBECILLI E IGNORANTI CHE PER PARTITO PRESO SOSPETTANO SEMPRE E COMUNQUE SUI FORESTALI. ADESSO STAMPATEVELO E PORTATEVELO CON VOI. SIETE SOLAMENTE DEGLI INCOMPETENTI!



Incendi. Breve vademecum per gli imbecilli e ignoranti che per partito preso sospettano sempre e comunque sui forestali. Adesso stampatevelo e portatevelo con voi. Siete solamente degli incompetenti!




Ci risiamo, sono bastati i primi incendi a far circolare i sospetti sui lavoratori forestali

Dovete sapere, anzi mettetevelo bene nella zucca che:

1)
i forestali non hanno nessun interesse ad incendiare visto che le giornate lavorative sono regolamentate tramite una legge e a prescindere dagli incendi;
2) la Legge Regione Sicilia del 5 giugno 1989, n. 11. E' vietato per un periodo di almeno cinque anni l'esercizio del pascolo e di qualsivoglia attività economica nei terreni boscati percorsi da incendi, che si trovino a qualsiasi titolo nella disponibilità dell'Amministrazione forestale e di altri enti pubblici;
3) la Legge n. 353 del 21 novembre 2000 in materia di incendi boschivi. Sono vietati per dieci anni, limitatamente ai soprassuoli delle zone boscate percorsi dal fuoco, il pascolo e la caccia;
4) per colpa degli assassini-criminali, contiamo almeno 11 forestali morti e decine e decine di feriti;
5) i forestali contrastano le fiamme, operano con più di quaranta gradi dentro a tute ignifughe, e camminano per chilometri a piedi;

6) i forestali sono i veri custodi-protettori dei boschi e dell'ambiente;
7) i forestali sono consapevoli che alberi e foreste sono importanti per la salute dell'uomo;
8) i forestali prendono le distanze dai piromani criminali;
9) i forestali mettono in evidenza i nomi dei piromani colti in flagranza di reato;
10) i veri forestali condannao gli incendiari,
chiunque essi siano!

Tra gli sciacalli, i malati mentali e criminali, raramente e non sempre, troviamo anche qualche lavoratore forestale, purtroppo come in tutte le categorie, anche quì ci sono “mele marce”, ma non è corretto colpire indistintamente tutta la categoria come spesso avviene. Se scoprite un lavoratore forestale o qualche altra persona che con prova provata, incendia i boschi, fatelo presente a noi che lo denunceremo alle autorità competenti.
Sappiamo benissimo che le foreste sono quell'ecosistema che, proteggendo e formando suolo, acque, aria, rendono possibile la nostra vita su questo pianeta. La distruzione delle foreste porta al cambiamento climatico, al riscaldamento del pianeta, alla perdita di acque dolci disponibili, all'erosione del suolo fertile, alla desertificazione, alla fame, alle alluvioni, a frane e smottamenti.
Tutti dobbiamo dare il proprio contributo per rendere il nostro mondo migliore con particolare attenzione alla salvaguardia e valorizzazione dell’ambiente è diventata una priorità per tutti noi. I nostri boschi sono un patrimonio fondamentale da tutelare, i polmoni del territorio e del pianeta: l’albero è fonte di vita per l’uomo e forte simbolo di armonia e crescita da cui prendere ispirazione.


Per gli "anti-forestali" che per partito preso si rifiutono di accettare la realtà dei fatti, gli ricordiamo che bisogna imparare a memoria quanto descritto sopra.
Se avvistate un incendio chiamate il 1515


Ogni anno la natura è vittima della nostra distrazione.
Se avvisti un incendio!!!....non esitare.....Chiama il 1515





Notizia correlata:

Hanno tutti un nome e cognome quei piromani colti in flagranza di reato, rarissimi quasi nulli i casi dei lavoratori forestali, ecco tutte le prove. Alla faccia dei prevenuti e  degli insinuatori!











4 commenti:

  1. Caro Michele a questo punto io la colpa non la do alla gente che sospetta,ma hai dirigenti e chi dovrebbe avviare a lavorare noi Forestali...Mi spiego; se si partisse agli inizi del mese di maggio ( di questo ne sono convinto)credo che questi focolai ci sarebbero lo stesso e noi lavoratori come sempre intervenendo non ci fosse nessuno che potrebbe puntare il dito su noi Forestali...Allora dico all'assessore in carica di evitare questi ritardi e di far partire la macchina nei tempi giusti no quando in Sicilia in questi periodi la temperatura supera i 30 gradi cosa che faccio notare a chi punta quel dito del Kazzo contro noi Operai che rischiamo la vita per spegrare un INCENDIO...Santo Canonico

    RispondiElimina
  2. La Stupidità Umana non ha limiti, mi riferisco a quella gente che pensa che noi forestali appicchiamo fuoco per avere dei vantaggi, ma a questo punto questi boschi chi li ha piantumati e chi continua a piantumare alberi e a proteggerli costruendo i viali parafuoco mantenendoli puliti, forse chi ci giudica?
    Risposta: NO chi ci giudica non pianta alberi, chi ci giudica di solito e quello che va a fare le scampagnate il primo maggio o il venticinque aprile lasciando la maggior parte delle volte la spazzatura in mezzo ai boschi e distruggendo e vandalizzando gli alberi che poi diventano materiale incendiario, sono gli operai forestali che tengono pulito il bosco che piantano alberi che con il tempo e la cura da parte di questi operai diventano boschi.
    I boschi che ci sono oggi esistono grazie anche a persone che prima di noi ci hanno preceduto in questo lavoro sempre operai forestali e che oggi molti di loro non ci sono più.
    Il lavoro dei forestali di oggi vedrà i suoi frutti nel futuro perché per piantumare gli alberi pulirli dalle erbe infestanti proteggerli dagli incendi e permettere di fare sviluppare un albero occorrono anni gli operai forestali lavorano per questo a tutela dell’ambiente, chi ci giudica quanti alberi e boschi hanno piantato e hanno protetto? risposta Nessuno.
    Questa gente che ci giudica con quale coraggio offende un intera categoria di lavoratori che svolgono il loro lavoro rischiando molto spesso la loro vita in mezzo alle fiamme, chi ci giudica che cosa fa durante gli incendi mentre gli operai spengono il fuoco perché non partecipano da volontari a spegnere i roghi, piuttosto che giudicare così capirebbero cosa significa lavorare tre mesi l’anno e sentirsi disprezzati.
    La colpa di tutto ciò e di un giornalista che qualche hanno fa si e recato a Godrano (PA) illudendo gli Operai che avrebbe messo in buona luce l’intera Categoria invece per fare uno scoop si e venduto e ha continuare a gettare fango su di noi, il suo nome e Antonio Rossitto mi hanno detto che e siciliano di Piazza Armerina (EN), mi vergogno di avere un corregionale del genere per me e un offesa, per me e l’intera Sicilia.
    Questa estate probabilmente ci saranno quasi 1200 operatori antincendio in meno nella nostra Regione con il taglio voluto dal “parsimonioso” Baccei molte squadre probabilmente non potranno formarsi con il rischio che il personale non basti per proteggere i boschi con squadre di uno o due persone per squadre, (forse e proprio quello che vogliono i nostri Politici e Dirigenti Regionali), così aumenteranno gli appalti a privati per gli aerei ed elicotteri antincendio.
    Giuseppe Di Giorgi (ASPI) forse uno dei 1200???

    RispondiElimina
  3. Sig Mogavero , innanzitutto tutto mi complimento con il suo spirito "democratico" scrivere imbecilli e ignoranti a tutti coloro, e purtroppo siamo tantissimi, che la pensano diversamente la dice tutta!! poi che dire, spingete i comuni cittadini a denunciare chi incendia i boschi? il comune cittadino, non vive in mezzo al demanio della forestale, voi ci vivete, solo voi sapete cosa succede dentro i boschi!! il comune cittadino, quando avvista un incendio, più di chiamare il 1515 non può fare, piuttosto il comune cittadino continua a meravigliarsi come mai , vengono arrestati solo gli sprovveduti che danno fuoco a sterpaglie bordi di strade ecc, o anziani contadini che sbagliano nei tempi e modalità per pulire i propri terreni.... e invece non vengono presi mai i veri delinquenti che appiccano fuoco all'interno dei demani forestali.....il comune cittadino si chiede: come mai? con tutti i mezzi tecnologici di cui si dispone oggi? come vede troppo cose non convincono il comune cittadino.....i cittadini non sono nè stupidi nè imbecilli, nè ignoranti, ma il comune cittadino ha il sacrosanto diritto di sapere che i propri soldi, pagati attraverso le tasse, non finiscano in fumo, per sfamare 26000 forestali, che di certo, evidententmente visti i risultati, non sempre hanno chissà quali nobili motivazioni per fare i forestali......in sostanza il comune cittadino si chiede: ma che ci stanno a fare 26000 forestali se, i risultati sono questi: Sig Mogavero, dia un 'occhiata ai nostri monti, ogni estate intere montagne "prendono fuoco" ma dove sono rimasti questi boschi? che senso hanno 26000 forestali se i boschi ormai si sono ridotti al lumicino? piuttosto , se volete valorizzare la vostra categoria, invece datevi da fare! siate voi stessi a vigilare e a proteggere, ciò che voi dite di amare così tanto....se chiedete credibilità dimostratela! invece di chiedere/ "pretendere" il lavoro senza che il comune cittadino veda alcun positivo risultato... piuttosto organizzatevi voi stessi in ronde e andate a stanare "i piromani" fate filmati e denunciate i colpevoli! solo così potete ottenere credibilità e la gente così finalmente vi comincerà a dare fiducia....e i buoni esempi ogni tanto ci sono, ma sono pochissimi....ricordo una ventina di anni fa che a casaboli dei forestali riuscirono a filmare un operaio forestale che dava fuoco al bosco, questo significa avere professionalità e credere veramente nel proprio lavoro!!
    Cordialmente
    Fabio romano

    RispondiElimina
  4. Queste sue insinuazioni sono gravi, mi dispiace tantissimo non essermi spiegato bene. Persone come lei ormai ormai hanno trovato i colpevoli senza aver commesso il fatto. Continui pure con la sua teoria...

    RispondiElimina

Ogni commento anonimo sarà cestinato, verranno pubblicati tutti tranne quelli offensivi e/o volgari, si ricorda che commentare significa anche assumersi la responsabilità di ciò che si dice. Qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi. Quelli con profilo Anonimo DEVONO essere firmati alla fine del commento altrimenti saranno cancellati. Il titolare del blog declina ogni responsabilità per i commenti rilasciati da terzi. Le immagini pubblicate sono quasi tutte tratte da internet e quindi valutate di pubblico dominio. Qualora il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del blog che provvederà alla loro rimozione.