16 luglio 2014

IL BLOG FA LA SUA PRIMA INTERVISTA. SOPPRESSIONE DELL’ARTICOLO 12: ANCHE NEL SINDACATO CONFEDERALE QUALCUNO E’ FAVOREVOLE! NE PARLIAMO CON ANGELO INGRASSIA, LTI DEL CENTRO OPERATIVO PROV.LE DI PALERMO E COMPONENTE TERRITORIALE DELLA UILA-UIL





SOPPRESSIONE DELL’ARTICOLO 12: 
ANCHE NEL SINDACATO CONFEDERALE QUALCUNO E’ FAVOREVOLE



Michelangelo Ingrassia


di Michele Mogavero

Dopo le recenti dichiarazioni rese dall’Assessore Paolo Ezechia Reale in quarta commissione all’Ars, insieme ai Dirigenti Generali Vincenzo Di Rosa e Felice Bonanno, e dopo gli interventi di esponenti di varie forze politiche e la presa di posizione del Presidente di Legambiente Angelo Di Marca, il dibattito sulla soppressione dell’articolo 12 è ormai all’ordine del giorno nelle sedi istituzionali e nei cantieri di lavoro. Tra i lavoratori cresce il malumore contro l’articolo della Finanziaria che ha imposto il trasferimento della titolarità del rapporto di lavoro di tutti gli operai forestali in un unico assessorato e che ha provocato intralci e ritardi nell’avviamento della campagna antincendio 2014; e cresce il disagio anche tra i lavoratori impegnati nelle organizzazioni sindacali confederali. Ne abbiamo voluto parlare con Michelangelo Ingrassia, per gli amici e compagni di lavoro Angelo, LTI del Centro Operativo Provinciale di Palermo e componente dell’Esecutivo Territoriale della Uila - Uil di Palermo, collabora inoltre con l'Università di Palermo come docente a contratto dove insegna Storia dell'Età Contemporanea.



Allora, Ingrassia, anche tu sei favorevole all’articolo 12 come Fai Cisl, Flai Cgil e Uila Uil?
No, io ho una posizione radicalmente diversa da quella della mia organizzazione sindacale. Fin da subito ho creduto che l’articolo 12 fosse totalmente sbagliato nelle previsioni e negli obiettivi finali, e non nascondo che in fase di approvazione mi sono battuto per farlo cancellare dalla Finanziaria. Ho tentato di spiegare che la riunificazione, in quel modo, non avrebbe comportato alcun risparmio per la Regione e avrebbe invece logorato la macchina forestale che, sino a pochi mesi fa, nonostante tutto, era uno dei pochi settori ancora funzionanti dell’Amministrazione Regionale; senza contare che avrebbe complicato, e non migliorato, le relazioni sindacali.

Eppure il testo originario prevedeva che i lavoratori a tempo indeterminato del Comando, rimanevano esclusi dalla riunificazione; non era a vostro favore?
Questo è il punto. Un lavoratore, soprattutto se dirigente sindacale, deve mettere da parte gli interessi corporativi e ragionare pensando all’intera categoria. L’esclusione dei LTI dalla riunificazione era una discriminazione che non poteva essere accettata. I veri problemi dei lavoratori a tempo indeterminato sono altri; e se vorrai, ne riparleremo un’altra volta.

Dunque tu, oggi, saresti contro l’articolo 12, anche se i LTI fossero rimasi esclusi dalla riunificazione?
Certamente. Che senso avrebbe avuto essere soli, in servizio al Comando, senza gli altri contingenti? Saremmo stati, dal punto di vista dei diritti contrattuali, ancora più vulnerabili di quanto lo siamo oggi. Quel comma che riguardava l’esclusione dei LTI dalla riunificazione era una trappola per ingannare chi era contrario all’articolo 12 e in molti ci sono cascati. E’ bastato leggere quelle parole per far gridare allo scandalo alcuni deputati e qualche dirigente sindacale regionale. Alla fine l’unico problema è diventato, appunto, l’esclusione dei LTI: tolto quello, politici e Sindacati lo hanno accettato. In cambio, questi politici hanno almeno ottenuto, per fortuna, l’eliminazione del blocco del turn over. Nessuno si è reso conto, però, che il vero problema era tutto l’articolo 12 così com’era stato congegnato. Soltanto una mente raffinata poteva allestire questa sceneggiata. Chi ha scritto l’articolo 12, ossia l’ex assessore Cartabellotta, ha chiesto cento per ottenere dieci e adesso il prezzo lo pagano i lavoratori, l’ambiente, la collettività; e anche il Sindacato, che si ritrova ancora oggi alle prese con due interlocutori: due Dirigenti Regionali, due Assessori, due Dirigenti Generali Provinciali, due Direzioni Lavoro, due ragionerie per le paghe, due diversi modi di intendere le graduatorie. Ma allora che cosa è cambiato, in meglio? Nulla! La mancanza di risorse ha fatto venire i nodi al pettine.

Che cosa non ha funzionato?
A parte la mancanza di risorse finanziarie dovuta all’impugnativa del Commissario dello Stato, la mitica Convenzione tra due Amministrazioni della stessa Regione si è trasformata in una competizione di tutti contro tutti; era naturale che finisse così. Peraltro la Convenzione è stata dibattuta, elaborata e firmata escludendo dalla discussione il Sindacato: fatto gravissimo se si pensa che per Contratto, e dunque per legge, l’organizzazione del lavoro deve essere concertata tra Datori di Lavoro e Organizzazioni Sindacali firmatarie del Contratto stesso.
Forse qualcuno voleva che finisse così per destrutturare tutto il comparto e svenderlo al migliore acquirente: la privatizzazione del settore, quello cui puntano i vari onorevoli Vecchio di turno. L’ambiente, come l’acqua, è un bene pubblico: nessuno deve dimenticarlo.

Ma il sindacato confederale aveva già chiesto la riunificazione con il famoso accordo del 13 settembre 2013
E allora? Voglio ricordare, a chi l’ha dimenticato, che la riunificazione di cui parlava il Sindacato confederale consisteva, a mia memoria, nella riunificazione di uomini, strutture e competenze dell’Azienda e del Comando in un solo assessorato per creare le condizioni idonee a far rispettare il precedente accordo del 2009 sulle giornate lavorative. Il famoso punto 3 di quell’accordo stabiliva che la riunificazione doveva essere il frutto di una riforma integrale di tutto il settore, di una nuova legge sulla forestazione, e non il parto assistito di un articolaccio inserito in una Legge Finanziaria che, si badi, dovrebbe riguardare la distribuzione delle risorse finanziarie della Regione e non l’organizzazione del lavoro, specie in un settore tanto delicato quanto quello del bosco siciliano.

Che cosa avrebbe dovuto fare, allora, il Sindacato?
L’ho già detto nelle sedi opportune e lo ripeto qui adesso: il Sindacato avrebbe semplicemente dovuto chiedere la cancellazione dell’articolo 12 e rinviare tutti gli aspetti organizzativi e contrattuali a una nuova legge e a quel nuovo contratto che ancora, dopo dieci anni, non arriva. Vorrei sommessamente ricordare che in Sicilia gli aumenti salariali dell’ultimo contratto non sono stati recepiti: essi equivalgono ai famosi ottanta euro di Renzi. Al Presidente del Consiglio dico: i lavoratori forestali siciliani rinunciano agli ottanta euro in cambio delle risorse che consentano al governo regionale di recepire l’aumento salariale previsto per tutti i lavoratori forestali.

Che cosa accadrà adesso?
Inizia all’Ars la discussione sulla Finanziaria ter. Spero che le dichiarazioni coraggiose e opportune dell’Assessore Reale si traducano in un fatto concreto. Attenzione, però, non si tratta di cancellare solo il comma che riguarda le graduatorie. Deve essere chiaro che va soppresso subito tutto l’articolo 12 per poi ricominciare daccapo. Mi pare che di questa esigenza se ne siano resi conto, ormai, tutti.

Anche il Sindacato confederale?
Il sindacato siamo noi lavoratori, e i lavoratori sono contro l’articolo 12 che li penalizza; rende il lavoro disagiato, insicuro; pregiudica la serenità di chi deve fare i viali parafuoco e di chi deve spegnere gli incendi: lavori rischiosi e pericolosi. All’interno del Sindacato non sono pochi gli iscritti e i delegati che sono contro l’articolo 12. Potremmo, domani, organizzare una raccolta di firme tra i lavoratori contro l’articolo 12 e sono convinto che avremmo un plebiscito. Lo ripeto: la base del sindacalismo confederale è contro l’articolo 12, se ne tenga conto!

Il Sindacato confederale ha sbagliato, allora?
Il sindacalismo confederale di oggi è l’erede di Alongi e Placido Rizzotto, ha garantito conquiste sociali impensabili fino a trent’anni fa. Oggi, per la prima volta, è costretto a rincorrere da almeno un decennio una serie di emergenze con interlocutori politici non sempre corretti. Il Sindacato non ha sbagliato, ha inseguito e affrontato un’emergenza. Ma adesso deve liberarsi dalla logica dell’emergenza, chiedere la soppressione dell’articolo 12 e ricominciare dall’accordo del 2013: un nuovo contratto e una nuova legge forestale, magari con due soli contingenti, come sostieni tu. L’economia interna della Sicilia si regge sui salari e sugli assegni di disoccupazione dei lavoratori forestali (e vorrei, tra parentesi, ricordare ai miei amici delle segreterie confederali che anche le leghe sindacali si reggono su questi proventi, così com’era per le antiche Società Operaie di fine Ottocento). Il Sindacato, questo, lo deve dire chiaro e forte alla politica: una forestazione in crisi alimenta la depressione economica di intere province siciliane.
Oggi il Sindacato confederale, in alcune province, è guidato da lavoratori forestali che sanno quello che fanno. Sono convinto che questi segretari-lavoratori non vogliano sprecare occasioni di lotta e di vittoria sull’articolo 12 sì o no, ma vogliono battersi per migliorare l’intero comparto e risolvere tutte le problematiche esistenti: il ritardo nelle paghe (ventisei passaggi, grazie all’articolo 12, compiono le perizie prima di trasformarsi in lavoro e in salario per i lavoratori), la questione delle graduatorie, l’ampliamento della superficie boschiva, il dissesto idrogeologico, la lotta agli incendi, gli arretrati contrattuali, i nuovi diritti e i nuovi doveri, una concertazione da riscoprire. Tutto questo, l’articolo 12, l’ha complicato. Pensa che oggi la Ragioneria dell’Assessorato Agricoltura, intasata da decreti e colpita da mancanza di personale, per garantire il salario e farlo viaggiare più celermente verso le tasche dei lavoratori, ha bisogno di una comunicazione scritta del Dirigente Generale dell’Azienda che spiega che i decreti inviati in Ragioneria sono destinati al salario… altro che articolo 12! Che cosa accadrà quando, tra qualche mese, oltre ai LTI si dovranno pagare anche i LTD e ci saranno ritardi di oltre tre mesi? Anche questa è azione sindacale, ma di emergenza. Basta con le emergenze. Si sopprima l’articolo 12 e si ragioni in fretta sul nuovo contratto e su di nuova legge forestale, moderna e competitiva, da riscrivere ampliando il tavolo a organizzazioni come Legambiente; e soprattutto ai lavoratori che nel bosco ci lavorano e del bosco vivono, e purtroppo spesso ci muoiono, com’è accaduto a Franco Pizzuto, morto aspettando il salario, gli arretrati contrattuali, una graduatoria equa, il rinnovo del Contratto integrativo. Ecco, se ci fermiamo per un attimo a riflettere su tutto questo, allora sono certo che tutti insieme: sindacato, lavoratori, dirigenti e assessori, troveremo la strada per uscire dal tunnel in cui ci ha spinti lo stramaledetto articolo 12.







1 commento:

  1. Centorbi Salvatore16 luglio 2014 07:46

    Condivido e mi complimento con il sindacalista lavoratore, solo un appunto vorrei fare, visto che il sindacato di base ha delle idee molto chiare e sicuramente molto vicine alla realtà e alla necessità effettiva dei lavoratori perchè non riuscite a dare uno scossone a queste segreterie regionali completamente sorde e lontane dalla realtà?.
    Se veramente vogliamo che questo comparto si risollevi urge un rinnovamento e rivoluzione per primo all'interno del sindacato, come abbiamo visto in questo articolo e anche in altri (in particolare mi riferisco a quando dichiarato più volte dal segretario uila di Catania, Nino Marino) gli uomini di buona volontà e sensibilità ci sono ....e allora che aspettiamo? ....l'irreparabile?

    RispondiElimina

Ogni commento anonimo sarà cestinato, verranno pubblicati tutti tranne quelli offensivi e/o volgari, si ricorda che commentare significa anche assumersi la responsabilità di ciò che si dice. Qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d’autore, vogliate comunicarlo via email. Saranno immediatamente rimossi. Quelli con profilo Anonimo DEVONO essere firmati alla fine del commento altrimenti saranno cancellati. Il titolare del blog declina ogni responsabilità per i commenti rilasciati da terzi. Le immagini pubblicate sono quasi tutte tratte da internet e quindi valutate di pubblico dominio. Qualora il loro uso violasse diritti d'autore, lo si comunichi all'autore del blog che provvederà alla loro rimozione.