30 giugno 2016

EMERGENZA INCENDI BOSCHIVI, IL M5S CHIEDE SUBITO LA CONVENZIONE CON LA DIREZIONE REGIONALE DEL CORPO NAZIONALE DEI VIGILI DEL FUOCO. IL BLOG: ON. CAPPELLO, CI AUGURIAMO CHE NON SI VOGLIONO SCAVALCARE GLI AIB DEL CORPO FORESTALE DELLA REGIONE


Emergenza incendi boschivi, il M5S chiede subito la convenzione con la direzione regionale del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco



Il deputato Cinquestelle Francesco Cappello: “Gravissimo sarebbe l’ennesimo atteggiamento omissivo da parte del governo”.
La gravità di quanto accaduto nelle scorse settimane, quando una serie di incendi è divampata tra i territori delle province di Palermo e Messina annientando vaste zone boschive e di macchia mediterranea, pone in drastica evidenza la totale assenza di un coordinamento per la lotta attiva contro gli incendi boschivi che, per la legge 353 del 2000, spetta alla Regione. Adesso il Movimento 5 Stelle rivolge al governo regionale un’interpellanza, il primo firmatario, il deputato Francesco Cappello, chiede venga stipulata un’apposita convenzione con la direzione regionale del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco, come sollecitato anche quest’anno dalla stessa CoNaPo (sindacato autonomo Vigili del Fuoco), al fine di porre in essere tutti gli interventi di lotta attiva contro gli incendi boschivi e scongiurare ciò che è avvenuto nelle scorse settimane.
“Gravissimo – afferma il parlamentare Cappello – sarebbe l’ennesimo atteggiamento omissivo da parte del governo che per il secondo anno di seguito non avrebbe posto in essere alcuna convenzione con la direzione regionale del VVF con gravissima assunzione di responsabilità per ciò che è accaduto e ciò che auspichiamo non accada più”.

30 Giugno 2016
sicilia5stelle



Nota

Ho chiesto direttamente all'On. Cappello dei chiarimenti in merito








BAGARRE IN AULA SULL'ASSESTAMENTO, MA ALL'APPELLO MANCANO 50 MILIONI. IL PRESIDENTE DELLA SECONDA COMMISSIONE VINCENZO VINCIULLO: SONO TUTTE MENZOGNE. VOLETE CHE QUESTI FONDI ARRIVINO AI PIP, AI FORESTALI, AI COMUNI E ALLE EX PROVINCE?


ARS

Bagarre in Aula sull'assestamento
Ma all'appello mancano 50 milioni


, Politica

Le somme "scongelate" sono inferiori a quelle previste in Finanziaria. Baccei: "Arriveranno". Fi: "Nuovi tagli".

di Accursio Sabella e Santi Sabella
PALERMO - Alla fine, mancano 50 milioni. Che secondo il governo Crocetta arriveranno "certamente". Ma che intanto non figurano nel disegno di legge discusso oggi all'Ars col quale si sbloccano i 500 milioni frutto dell'accordo tra lo Stato e la Regione.


Ma i milioni dovevano essere 550. E così, si è provveduto a una riduzione dei finanziamenti inizialmente previsti in Finanziaria. Una decurtazione identica, almeno in proporzione, alle singole voci. "Abbiamo sbloccato il 91,8 per cento del finanziamento previsto - precisa il presidente della Commissione bilancio Vincenzo Vinciullo - il resto spero arrivi nel giro di pochi giorni".


In via amministrativa, appunto. Ma intanto, le somme mancano. Quelle spettanti ai Comuni, ad esempio, gli enti ai quali era stato bloccata la maggior "porzione" di contributo regionale, scendono di circa 20 milioni. Non proprio una bella notizia, in questi giorni di magra e di commissariamenti che sfoceranno anche in una protesta, domani, dei sindaci siciliani. "I cittadini siciliani - ha dichiarato il capogruppo di Forza Italia Marco Falcone e la deputata azzurra Bernadette Grasso che è anche un sindaco - pagheranno da subito sulla loro pelle gli effetti devastanti causati dall'accordo siglato da Stato e Regione. I comuni dell'Isola subiranno infatti tagli per 20 milioni di euro, che comporteranno importanti riduzioni nei servizi erogati. Il sindaco Orlando e tutta l'Anci ringrazino il governo Crocetta per devastare, giorno dopo giorno di più, la nostra Sicilia".

Tra le polemiche, quindi, l'Ars ha incardinato il disegno di legge sulle variazioni di bilancio che sbloccherà i 500 milioni di trasferimenti dalla Stato. Una manovra che ha rischiato di ritornare in commissione. Il governo si è "salvato" per un solo voto sulla richiesta avanzata da Forza Italia. Voto arrivato al termine di un dibattito piuttosto vivace. Secondo i deputati azzurri, nella legge di stabilità era prevista la redistribuzione di 550 milioni, mentre "in questa manovra ne mancano 50. E ci sono, inoltre voci, di spesa diverse da quelle passate nelle commissioni di merito". Una polemica che ha costretto il vice presidente Venturino a sospendere la seduta.


"Ma le cose non stanno così", ha provato a chiarire l’assessore al Bilancio Alessandro Baccei. "I 50 milioni arriveranno in via amministrativa dal governo nazionale, nella differenza tra l’Irap che spetta alla Sicilia e quanto, invece, la Regione deve a Roma per la compartecipazione al fondo sanitario nazionale". Inoltre, ha aggiunto Baccei, "il testo non prevede nuove voci di spesa". Difesa dai toni accorati del presidente della seconda commissione Vincenzo Vinciullo. "Sono tutte menzogne. Volete che questi fondi arrivino ai Pip, ai Forestali, ai comuni e alle ex Province?". Intervento che ha fatto andare su tutte le furie il vice capogruppo di FI Vincenzo Figuccia, e che ha dato vita a un battibecco a distanza tra i due. "Lei è un cane rognoso", la risposta di Vinciullo al deputato azzurro che aveva abbandonato lo scranno per avvicinarsi ai banchi della commissione.


"Secondo Vinciullo, quindi, noi avremmo voluto causare dei ritardi. Ma io gli ricordo che questi lavoratori a cui fa riferimento, da mesi non ricevono lo stipendio", ha commentato a margine dei lavori Figuccia. Secondo cui "dal momento che i 500 milioni ci sono e l’Aula si appresta ad esaminare la manovra, chiediamo che questi fondi vengano messi subito a disposizione".


Clima rovente già in apertura di seduta, con le opposizioni all’attacco per l’assenza del governo in Aula durante l’intervento del presidente della seconda commissione Vinciullo che ha illustrato il contenuto della norma. "L'intera finanziaria si basa su questo documento, l’assenza del governo è ingiustificabile, un insulto nei confronti del parlamento che rappresenta il popolo siciliano", è stato il commento di Santi Formica della Lista Musumeci. La discussione generale sulla manovra è stata fissata a martedì prossimo.

29 Giugno 2016
http://livesicilia.it/2016/06/29/bagarre-in-aula-sullassestamento-ma-allappello-mancano-50-milioni_763784/




Notizia correlata:








ERICE. "IL CORPO FORESTALE LAVORA SENZA MEZZI. PERCHÉ?"


Erice. "Il Corpo Forestale lavora senza mezzi. Perché?"

Enrico Rizzi, presidente del Nucleo operativo italiano tutela animali, ha provveduto personalmente all'acquisto di un fax, indispensabile per il lavoro quotidiano. Ma la caserma ha bisogno di molto altro


La consegna del fax da parte di Enrico Rizzi

Erice, 29 giugno 2016 - Il distaccamento del Corpo Forestale di Erice oramai da più di sei mesi è letteralmente sprovvisto di fax perché guasto. A scoprirlo è stato Enrico Rizzi, Presidente del Nucleo Operativo Italiano Tutela Animali che ieri mattina ha contattato il comando per chiedere il numero di fax al fine di trasmettere della documentazione per attività di Polizia di competenza del distaccamento. L'Ispettore Superiore in servizio però, Alberto Vitaggio, ha riferito allo stesso Rizzi che purtroppo il fax è rotto da più di sei mesi e che pertanto, suo malgrado, non poteva aiutarlo.

Rizzi a quel punto chiede come facciano gli stessi agenti a lavorare senza uno strumento così importante, raccogliendo subito l'amarezza dell'Ispettore in servizio e rassicurandolo però immediatamente: "Stia tranquillo, in giornata risolviamo il problema". Enrico Rizzi infatti mette mano al portafoglio e alle 19 in punto si reca al distaccamento di Erice vetta del Corpo Forestale della Regione Sicilia per consegnare una stampante wireless/fax touch screen di ultima generazione a colori.

"Con questo adesso potrete svolgere correttamente il vostro importante e prezioso lavoro che ha l'unico obiettivo di tutelare il nostro ambiente e i nostri amici animali" ha riferito a chi lo ha accolto. A ricevere lo strumento di lavoro è stato infatti il Commissario del distaccamento  Benedetto Adamo e lo stesso Ispettore Superiore Alberto Vitaggio, che con molta emozione, hanno ringraziato il giovane animalista per il suo immediato interessamento. Rizzi ha poi concluso con una battuta: "Sapete quanto lavoro c'è da fare in provincia vero? Da domattina questo fax ve lo intaso".

Enrico Rizzi, Presidente del Nucleo Operativo Italiano Tutela Animali ha poi dichiarato: "Mi sono sentito in dovere, anche se questo dovrebbe essere di altri, prima da cittadino e poi da rappresentante di un ente della protezione animali, di intervenire immediatamente per colmare questo enorme e grave disservizio. Non si può lasciare un Corpo di Polizia senza uno strumento così importante e necessario per svolgere quotidianamente attività di polizia giudiziaria. Bisogna anche dire che la situazione del distaccamento di Erice è allarmante. Quando sono arrivato, ho visto l'Ispettore del Corpo Forestale aprirmi il cancello elettrico con le mani. Mi ha riferito che è rotto da anni. Chiunque per tanto può accedere alla caserma e commettere illeciti. Non esiste un servizio di video sorveglianza. Ma come è possibile? Stiamo parlando di una caserma di polizia, non di un negozio di frutta. Ho anche notato che su otto fari che illuminano la caserma, soltanto tre sono in funzione per cui la caserma è completamente al buio, situazione che potrebbe certamente favorire qualche maleintenzionato. Per non parlare della muffa presente dentro le stanze dei forestali, costretti a respirare quell'aria insopportabile. Invito tutti, politici ed istituzioni ad intervenire immediatamente perché lo stato di abbandono in cui versa la struttura è inaccettabile".

Per contatti con la nostra redazione: animali@quotidiano.net

29 Giugno 2016
http://www.quotidiano.net/animali/animali-forestale-rizzi-1.2301601







NEL PALERMITANO. E' STATO RITROVATO DAI FORESTALI IL GIOVANE SCOMPARSO GIOVEDI. SOSPIRO DI SOLLIEVO A CARINI


Ritrovato il giovane scomparso
Sospiro di sollievo a Carini




Giuseppe Biundo, 31 anni, si era allontanato da casa giovedì.

PALERMO - E' stato ritrovato dai forestali Giuseppe Biundo, 31 anni, il giovane che si era allontanato da casa a Carini (Pa) giovedì scorso. L'ultima volta lo avevano visto dirigersi verso la montagna nella zona del bosco di Santa Venera. Qui è stato ritrovato nel corso delle ricerche. La scomparsa era stata denunciata ai carabinieri.

29 Giugno 2016
http://livesicilia.it/2016/06/29/ritrovato-il-giovane-scomparso-sospiro-di-sollievo-a-carini_763780/






INTERESSANTE E PRODUTTIVA LA GIORNATA FORMATIVA SULL'ANTINCENDIO BOSCHIVO SVOLTASI NELLA SEDE DEL PARCO DELLE MADONIE


Dalla pagina facebook
del Parco delle Madonie


GIORNATA FORMATIVA SULL'ANTINCENDIO BOSCHIVO 


Molto interessante e produttiva, le risultanze della quale verranno trasferite ai dipartimenti regionali interessati. Voglio ringraziare per le relazioni svolte Francesco Licata di Baucina direttore generale ARPA Sicilia e Antonio Paladino del Corpo forestale, Nello Lombardo in rappresentanza dell'assessore al Territorio e Ambiente, il dipartimento della protezione civile ed i distaccamenti forestali presenti, le amminisrazioni comunali (troppo poche purtroppo) che hanno inviato i loro rappresentanti e soprattutto tutte le associazioni di volontariato intervenute (erano tantissime) che con il loro contributo hanno impreziosito questa importante giornata sulla prevenzione






DISSESTO TERRITORIO, CGIL CHIEDE PROGETTI A CROCE. IL VIDEO SERVIZIO DI AMNOTIZIE


Dissesto territorio, Cgil chiede progetti a Croce







NOTIZIE CORRELATE:

I FORESTALI PER IL DISSESTO IDROGEOLOGICO

GLI OPERAI STAGIONALI DELLA FORESTALE SARANNO UTILIZZATI PER IL RISANAMENTO DEL DISSESTO IDROGEOLOGICO. CHE POTRANNO COSÌ RAGGIUNGERE IL TETTO MASSIMO DELLE GIORNATE LAVORATIVE, A SECONDA DELLA FASCIA DI CUI FANNO PARTE

FRANE SULL'A 19 PALERMO CATANIA E IN TUTTE QUELLE STRADE PROVINCIALI E STATALI DELLA SICILIA: I FORESTALI LE POTEVANO SALVARE! 

PROPOSTA DELLA CISL. PREVENZIONE DA AFFIDARE AI FORESTALI CHE HANNO COMPETENZA E CAPACITÀ 

L'IMPIEGO ATTIVO DEI FORESTALI NELLA PREVENZIONE DEL DISSESTO IDROGEOLOGICO COSTEREBBE ALLE CASSE PUBBLICHE MENO DI QUANTO COSTA POI FAR FRONTE AI DISASTRI CHE IL DISSESTO GENERA

AUTOSTRADA A19 INTERROTTA, MOBILITAZIONE DELLA CGIL PALERMO. INDISPENSABILE ANCHE RIVEDERE IL PIANO DI GESTIONE FORESTALE DEL TERRITORIO CONTRO IL DEGRADO DELLE TERRE

ASSESSORE LO BELLO: NOI ABBIAMO 25 MILA LAVORATORI CHE POSSONO CONTRIBUIRE A LAVORARE SUL DISSESTO IDROGEOLOGICO

MARIELLA MAGGIO EX SEGRETARIA DELLA CGIL (OGGI PARLAMENTARE REGIONALE DEL PD): I FORESTALI PER LA SICUREZZA E LA SALVAGUARDIA DEL TERRITORIO

I FORESTALI PER LA SICUREZZA E LA SALVAGUARDIA DEL TERRITORIO

I FORESTALI PER LA SICUREZZA E LA SALVAGUARDIA DEL TERRITORIO (2)

AMBIENTE E PREVENZIONE, 5 MILIARDI DI PROGETTI 

ENTRO MARZO L'OK DEL CIPE AL PIANO INTERVENTI DA 5 MILIARDI PRESENTATO

LA VERITÀ SUI FORESTALI DELLA SICILIA E UNA RICETTA PER TUTELARE IL NOSTRO TERRITORIO. RIQUALIFICANDO QUESTA SPESA CREANDO UN SERVIZIO PER LA TUTELA DELL’ISOLA DAL DISSESTO IDROGEOLOGICO E DAGLI INCENDI

DALLA REGIONE SICILIANA PER LA MESSA IN SICUREZZA DEL TERRITORIO E TUTELA DELL'AMBIENTE 

RISCHIO IDROGEOLOGICO, L'ASSESSORE CROCE PORTA A ROMA 640 PROGETTI. CROCETTA PER LA REALIZZAZIONE DI QUESTI INTERVENTI INTENDE UTILIZZARE I BRACCIANTI DELLA FORESTALE

SICILIA: IL CAPO DELLA PROTEZIONE CIVILE, NELL'AREA DELLA BRETELLA A19 ESISTE UN RISCHIO IDROGEOLOGICO RESIDUO. BISOGNA PUNTARE SUI LAVORATORI FORESTALI, LO VOLETE CAPIRE? 

LE STRADE SICILIANE CADONO A PEZZI. BENVENUTI NELL’AREA ‘TURISTICA’ DELLE MADONIE

L'EMERGENZA DISSESTO DEL TERRITORIO. LA DENUNCIA DELLA CGIL SICILIA: ANCORA NON SI RAGIONA IN TERMINI DI PREVENZIONE, A OGNI EVENTO LA VIABILITÀ È COMPROMESSA. COME A GIAMPILIERI, LE CONSEGUENZE SONO GRAVISSIME PER LA MOBILITÀ DI PERSONE E MERCI

SOLTANTO BRICIOLE CONTRO IL DISSESTO IDROGEOLOGICO. IL BLOG: NONOSTANTE LE PROMESSE, ANCORA NON ABBIAMO VISTO NEMMENO UN FORESTALE PER LA PREVENZIONE DEL DISSESTO

PIANO ANTI FRANE IN SICILIA, SI VA A ROMA PER L’OK DEFINITIVO: PRIMI LAVORI IN ESTATE. LA NOTA DEL BLOG: CHI SI OCCUPERÀ DELLA MESSA IN SICUREZZA DEI TORRENTI VISTO CHE IN FINANZIARIA HANNO BOCCIATO L’ARTICOLO CHE PERMETTEVA DI UTILIZZARE I FORESTALI PER TALE SCOPO?

PIANO CONTRO IL DISSESTO DA 377 MILIONI. APPRODA IN CONSIGLIO DEI MINISTRI IL PIANO DELLA REGIONE PER LA MESSA IN SICUREZZA DEL TERRITORIO, CANTIERI APERTI FINO AL 2020. IL GOVERNO DARÀ PRIORITÀ AI PROGETTI ESECUTIVI, STOP A TUTTI I FONDI A PIOGGIA SENZA CERTEZZE

DENUNCIA DI MANNINO E ZAFARANA (M5S) SULL'ASSESSORATO REGIONALE TERRITORIO. SICILIA - "GLI INTERVENTI SONO BLOCCATI PER MANCANZA DI PERSONALE". IN QUESTO DISCORSO POTREBBERO RIENTRARE PROPRIO I FORESTALI ISOLANI

DISSESTO IDROGEOLOGICO, IL GOVERNO NAZIONALE DÀ UNA MANO. LA NECESSITÀ È SEMPRE LA STESSA: EVITARE CHE SI RIPETANO GLI ERRORI DEL PASSATO QUANDO LE REGIONI FATICAVANO A BANDIRE TEMPESTIVAMENTE I FONDI PER I TERRITORI MINACCIATI DAL RISCHIO NATURALE











L'IMPEGNO DEL GOVERNO REGIONALE: ENTRO 16 GIORNI LA RIFORMA DEL COMPARTO FORESTALE. IL BLOG: "MA CI SARÀ UN AUMENTO DELLE GIORNATE LAVORATIVE PER LA CATEGORIA PIÙ ANZIANA NON STABILIZZATA?"


L'impegno del Governo Regionale: entro 16 giorni la riforma del comparto forestale. Il Blog: "Ma ci sarà un aumento delle giornate lavorative per la categoria più anziana non stabilizzata?"






Se non è previsto nessun aumento delle giornate lavorative, i Sindacati dovrebbero disertare tutti gli incontri. Siamo pronti a incatenarci!




RISCHIO IDROGEOLOGICO, ECCO IL PIANO DELLE ACQUE. QUASI 70 MILIONI DALL’UE PER LA PREVENZIONE. IL BLOG: MA SE NE OCCUPERANNO I LAVORATORI FORESTALI PER COME AVEVA PROMESSO QUESTO GOVERNO?


Rischio idrogeologico, ecco il piano delle acque. Quasi 70 milioni dall’Ue per la prevenzione

fiume-nocella 940

La Giunta regionale ha approvato oggi l’aggiornamento 2015-2021 del Piano di gestione del distretto idrografico della Sicilia, richiesto dalla direttiva Ue 60 del 2000 e condizione necessaria per l’erogazione dei fondi europei relativi al settore e previsti nel P.O. Fesr (circa 67 milioni di euro) e nel Piano di sviluppo rurale.
Il Piano è stato approvato nell’agosto del 2015, su disposizione dell’assessore Vania Contrafatto, e in base a un accordo con il governo nazionale la Giunta si era impegnata ad approvare l’aggiornamento entro il 30 giugno 2016.
Consente un monitoraggio di tutte le acque regionali (marine, fluviali e sotterranee) che è alla base della futura pianificazione degli interventi per il miglioramento della loro qualità. In base alla riforma del settore, approvata dall’Ars nell’agosto del 2015, l’aggiornamento è stato affidato al Dipartimento Acque e rifiuti che l’ha realizzato anche con l’apporto dell’Arpa, con cui è stata siglata una convenzione finanziati con fondi statali (6 milioni), e col supporto di Sogesid, in base a una convenzione ministeriale.
“Sin dal mio insediamento – spiega l’assessore Contrafatto – ho premuto l’acceleratore sull’approvazione e sull’aggiornamento del Piano di gestione del distretto idrografico della Sicilia che da troppo tempo era fermo. Con il via libera in giunta all’aggiornamento abbiamo scongiurato il rischio di non poter accedere a milioni di euro di fondi europei per la risoluzione di problemi tanto antichi quanto annosi legati alla depurazione, alle condotte idriche e alle reti fognarie. Abbiamo mantenuto gli impegni presi con il governo nazionale e continueremo nei prossimi mesi a implementare i dati a nostra disposizione, ma intanto la Sicilia si dota di uno strumento fondamentale per il monitoraggio delle sue acque”.
Il Piano consentirà di definire una strategia che protegga e migliori gli ecosistemi acquatici e terrestri, agevoli un utilizzo idrico sostenibile delle risorse, miri al miglioramento dell’ambiente acquatico attraverso misure specifiche per la riduzione degli scarichi, assicuri la graduale riduzione dell’inquinamento e contribuisca a mitigare gli effetti delle inondazioni e delle siccità.

29 Giugno 2016
http://palermo.blogsicilia.it/rischio-idrogeologico-ecco-il-piano-delle-acque-quasi-70-milioni-comunitari-per-la-prevenzione/345670/






NOTIZIE CORRELATE:

I FORESTALI PER IL DISSESTO IDROGEOLOGICO

GLI OPERAI STAGIONALI DELLA FORESTALE SARANNO UTILIZZATI PER IL RISANAMENTO DEL DISSESTO IDROGEOLOGICO. CHE POTRANNO COSÌ RAGGIUNGERE IL TETTO MASSIMO DELLE GIORNATE LAVORATIVE, A SECONDA DELLA FASCIA DI CUI FANNO PARTE

FRANE SULL'A 19 PALERMO CATANIA E IN TUTTE QUELLE STRADE PROVINCIALI E STATALI DELLA SICILIA: I FORESTALI LE POTEVANO SALVARE! 

PROPOSTA DELLA CISL. PREVENZIONE DA AFFIDARE AI FORESTALI CHE HANNO COMPETENZA E CAPACITÀ 

L'IMPIEGO ATTIVO DEI FORESTALI NELLA PREVENZIONE DEL DISSESTO IDROGEOLOGICO COSTEREBBE ALLE CASSE PUBBLICHE MENO DI QUANTO COSTA POI FAR FRONTE AI DISASTRI CHE IL DISSESTO GENERA

AUTOSTRADA A19 INTERROTTA, MOBILITAZIONE DELLA CGIL PALERMO. INDISPENSABILE ANCHE RIVEDERE IL PIANO DI GESTIONE FORESTALE DEL TERRITORIO CONTRO IL DEGRADO DELLE TERRE

ASSESSORE LO BELLO: NOI ABBIAMO 25 MILA LAVORATORI CHE POSSONO CONTRIBUIRE A LAVORARE SUL DISSESTO IDROGEOLOGICO

MARIELLA MAGGIO EX SEGRETARIA DELLA CGIL (OGGI PARLAMENTARE REGIONALE DEL PD): I FORESTALI PER LA SICUREZZA E LA SALVAGUARDIA DEL TERRITORIO

I FORESTALI PER LA SICUREZZA E LA SALVAGUARDIA DEL TERRITORIO

I FORESTALI PER LA SICUREZZA E LA SALVAGUARDIA DEL TERRITORIO (2)

AMBIENTE E PREVENZIONE, 5 MILIARDI DI PROGETTI 

ENTRO MARZO L'OK DEL CIPE AL PIANO INTERVENTI DA 5 MILIARDI PRESENTATO

LA VERITÀ SUI FORESTALI DELLA SICILIA E UNA RICETTA PER TUTELARE IL NOSTRO TERRITORIO. RIQUALIFICANDO QUESTA SPESA CREANDO UN SERVIZIO PER LA TUTELA DELL’ISOLA DAL DISSESTO IDROGEOLOGICO E DAGLI INCENDI

DALLA REGIONE SICILIANA PER LA MESSA IN SICUREZZA DEL TERRITORIO E TUTELA DELL'AMBIENTE 

RISCHIO IDROGEOLOGICO, L'ASSESSORE CROCE PORTA A ROMA 640 PROGETTI. CROCETTA PER LA REALIZZAZIONE DI QUESTI INTERVENTI INTENDE UTILIZZARE I BRACCIANTI DELLA FORESTALE

SICILIA: IL CAPO DELLA PROTEZIONE CIVILE, NELL'AREA DELLA BRETELLA A19 ESISTE UN RISCHIO IDROGEOLOGICO RESIDUO. BISOGNA PUNTARE SUI LAVORATORI FORESTALI, LO VOLETE CAPIRE? 

LE STRADE SICILIANE CADONO A PEZZI. BENVENUTI NELL’AREA ‘TURISTICA’ DELLE MADONIE

L'EMERGENZA DISSESTO DEL TERRITORIO. LA DENUNCIA DELLA CGIL SICILIA: ANCORA NON SI RAGIONA IN TERMINI DI PREVENZIONE, A OGNI EVENTO LA VIABILITÀ È COMPROMESSA. COME A GIAMPILIERI, LE CONSEGUENZE SONO GRAVISSIME PER LA MOBILITÀ DI PERSONE E MERCI

SOLTANTO BRICIOLE CONTRO IL DISSESTO IDROGEOLOGICO. IL BLOG: NONOSTANTE LE PROMESSE, ANCORA NON ABBIAMO VISTO NEMMENO UN FORESTALE PER LA PREVENZIONE DEL DISSESTO

PIANO ANTI FRANE IN SICILIA, SI VA A ROMA PER L’OK DEFINITIVO: PRIMI LAVORI IN ESTATE. LA NOTA DEL BLOG: CHI SI OCCUPERÀ DELLA MESSA IN SICUREZZA DEI TORRENTI VISTO CHE IN FINANZIARIA HANNO BOCCIATO L’ARTICOLO CHE PERMETTEVA DI UTILIZZARE I FORESTALI PER TALE SCOPO?

PIANO CONTRO IL DISSESTO DA 377 MILIONI. APPRODA IN CONSIGLIO DEI MINISTRI IL PIANO DELLA REGIONE PER LA MESSA IN SICUREZZA DEL TERRITORIO, CANTIERI APERTI FINO AL 2020. IL GOVERNO DARÀ PRIORITÀ AI PROGETTI ESECUTIVI, STOP A TUTTI I FONDI A PIOGGIA SENZA CERTEZZE

DENUNCIA DI MANNINO E ZAFARANA (M5S) SULL'ASSESSORATO REGIONALE TERRITORIO. SICILIA - "GLI INTERVENTI SONO BLOCCATI PER MANCANZA DI PERSONALE". IN QUESTO DISCORSO POTREBBERO RIENTRARE PROPRIO I FORESTALI ISOLANI

DISSESTO IDROGEOLOGICO, IL GOVERNO NAZIONALE DÀ UNA MANO. LA NECESSITÀ È SEMPRE LA STESSA: EVITARE CHE SI RIPETANO GLI ERRORI DEL PASSATO QUANDO LE REGIONI FATICAVANO A BANDIRE TEMPESTIVAMENTE I FONDI PER I TERRITORI MINACCIATI DAL RISCHIO NATURALE










RAGUSA. SEI SQUADRE SPECIALI ATTIVE FINO AL 15 OTTOBRE PER GLI INCENDI BOSCHIVI. IL TERRITORIO DIVISO IN DUE DISTRETTI: IL DIRILLO E L’IRMINIO


Attualità - Il territorio diviso in due distretti: il Dirillo e l’Irminio

Sei squadre speciali attive fino al 15 ottobre per gli incendi boschivi

L’ispettore ripartimentale Giuseppe Di Martino ha presentato le linee guida del piano regionale


Foto Corrierediragusa.it


Duccio Gennaro
Sei squadre speciali attive fino al 15 ottobre per prevenire e spegnere gli incendi boschivi. L’ispettore ripartimentale Giuseppe Di Martino ha presentato le linee guida del piano regionale per quanto riguarda il territorio ibleo che risulta diviso in due distretti, il Dirillo e l’Irminio. Il Piano prevede l’impiego di 321 unità solo per quanto riguarda la Forestale con 171 addetti allo spegnimento, 60 alla guida delle autobotti, 90 all’avvistamento e alla sala operativa. Sedici in tutto le postazioni antincendio per turno dislocate nel capoluogo, Chiaramonte, Monterosso, Modica, Scicli e Vittoria. Vigili del Fuoco e Forestali lavoreranno in piena sintonia secondo le direttive impartite dal Prefetto, Maria Carmela Librizzi in sede di comitato per l’Ordine e la sicurezza pubblica. Quest’anno inoltre sarà disponibile un mezzo aereo posizionato presso l’aeroporto di Comiso che potrà risultare decisivo nei casi più gravi. Il responsabile del contingente antincendio Vincenzo Chessari ha ricordato alcuni dati. Oltre la metà degli incendi avviene ai bordi delle strade dove si concentrano sterpaglie e rovi. Le ore più a rischio sono dalle 11 alle 17 con il picco alle 15 mentre i giorni sono quelli del fine settimana. A giugno i Vigili del fuoco hanno effettuato 30 interventi ricorrendo a 15 interventi di aerei.

29 Giugno 2016
Corriere di Ragusa.it







LA GIUNTA. DAGLI INCENDI AI PRECARI, È IL GOVERNO DEI KO. LA MUSICA NON È CAMBIATA, ANCHE DOPO GLI INNESTI POLITICI


LA GIUNTA

Dagli incendi ai precari è il governo dei ko


governo, incendi, rosario crocetta, sicilia, Politica



La musica non è cambiata, anche dopo gli innesti politici

di Salvo Toscano
PALERMO - "Siamo pronti a chiedere lo stato di calamità. Non lasceremo soli gli agricoltori". Così qualche giorno fa l'assessore regionale all'Agricoltura, Antonello Cracolici. E non di incendi parlava. Ma di grandinate, che a giugno hanno colpito diverse aree della provincia di Palermo, Trapani e Agrigento. “Intendiamo chiedere lo stato di calamità in giunta e farlo dichiarare al governo nazionale". Gli agricoltori aspettano fiduciosi. Come del resto i tanti incappati nella furia degli incendi del 16 giugno, quando mezza Sicilia è andata in fumo. Calamità naturale anche quella? Così disse il governo, per bocca di Rosario Crocetta. Che ha assicurato che pagherà tutto la Regione. Quanto di “naturale” vi sia nello scientifico “lavoro” dei piromani che hanno appiccato il fuoco ben coordinati in mezza Isola, questo è un altro paio di maniche. Così come da discutere ci sarebbe eccome, di quanto sia “calamitoso” ancorché non “naturale” l'operato del governo e della macchina regionale, che sulla prevenzione ha dimostrato nel giorno dell'apocalisse di fuoco, tutte le sue falle.  

Certo, Crocetta ha subito parlato di attacco mafioso, l'assessore al Territorio Maurizio Croce ha precisato tempestivamente con un comunicato che le attività anti-incendio sono partite nei tempi previste dalla legge. Il collega Cracolici ha invitato a non buttare la croce sui forestali, ammettendo che "la vera lezione di questa giornata infernale per la Sicilia è una: occorre unificare le competenze del lavoro forestale con quello del Corpo forestale”. E ci voleva che andassero incendiati 5.626 ettari di terra per imparare la lezione. Come se i precedenti non fossero stati sufficienti. Come se quanto avvenuto due settimane fa fosse stata un'imprevedibile sorpresa, come quei pupazzi a molla che beffardi scattano fuori dalla scatola.  

Ora che lo scirocco è passato e nell'aria non c'è più puzza di bruciato, il disastro di metà giugno è stato rapidamente archiviato nel dibattito pubblico. E d'altro si parla. Aspettando il prossimo disastro, magari. La protezione civile si è attivata con una serie di riunioni operative per implementare l'attività di coordinamento e l'assessore all'Agricoltura ha portato avanti il confronto con le organizzazioni sindacali per il riordino del settore forestale. Ma tante domande sono rimaste senza risposta. Come quelle di un esponente del Pd come Pino Apprendi, già vigile del fuoco, che a caldo – è il caso di dirlo – chiedeva, tra l'altro: “Mi piacerebbe sapere quali organismi si sono riuniti, nei giorni che hanno preceduto gli eventi, quali provvedimenti di prevenzione sono stati adottati, quali risorse 'aggiuntive' sono state messe a disposizione. Non ci siamo. Se è vero, come è vero – prosegue - che il giorno prima è stata avviata la campagna antincendio, quale piano di prevenzione è stato messo in atto? Come sono state distribuite nel territorio a rischio le unità operative antincendio?”. Già, saperlo...  

Eppure la frettolosamente dimenticata apocalisse del fuoco altro non è stata in fondo, che la prova, l'ennesima, di un'inefficienza. Per la quale buttare la croce addosso al solito Crocetta sarebbe troppo comodo e troppo facile. La sofferenza riguarda il governo nel suo insieme. Quel governo che gli innesti politici dell'ultimo rimpasto avrebbero dovuto rilanciare dopo i tanti passi falsi. E che invece ha continuato a penare. Basta guardare al capitolo dei rifiuti, un pantano su cui è intervenuto il governo nazionale. O alla questione del bilancio, con quell'accordo di lacrime e sangue strappato a Roma dopo mesi di trattative, rivenduto ai siciliani come un successone. O ancora al capitolo degli enti locali, che ancora oggi boccheggiano con grandi incertezze sulle risorse e che aspettano ancora risposte all'emergenza dei precari. Nessuno si sogna di dire che si tratti di partite facili. Ma di certo che c'è che a oggi il governo, non Crocetta ma il governo, le sta perdendo più o meno tutte.

29 Giugno 2016
http://livesicilia.it/2016/06/29/dagli-incendi-ai-precari-e-il-governo-dei-ko_763833/







ARS ELOQUENDI, VINCIULLO A FIGUCCIA: “LEI È UN CANE ROGNOSO”. LA POLEMICA NASCE DALLA SCOPERTA CHE I SOLDI ATTESI ANCHE DAI FORESTALI, NON SONO 550 MILIONI COME PREVISTO DALLA LEGGE DI BILANCIO, ‘PER MAGIA’ SONO DIVENTATI 500


Ars eloquendi, Vinciullo a Figuccia: “Lei è un cane rognoso”



Minima Immoralia, Regione

Linguaggio raffinato per il Presidente della Commissione Bilancio che si rivolge malamente a Vincenzo Figuccia. Oggetto del contendere: la legge sulle variazioni di bilancio da cui sarebbero spariti 50 milioni…Si temono nuovi tagli per i Comuni e precari


Secondo giorno di clima infuocato all’Ars. Dopo la seduta di ieri in cui si è discusso molto animatamente dell’accordo truffa Stato-Regione, oggi l’atmosfera è degenerata pesantemente.

Si discute delle variazioni di Bilancio. La polemica nasce dalla scoperta che i soldi attesi da Comuni, Forestali, Pip, annessi e connesi, non sono 550 milioni come previsto dalla legge di Bilancio, ‘per magia’ sono diventati 500.

Da qui le proteste, soprattutto di Forza Italia, che con Marco Falcone e Vincenzo Figuccia, hanno fatto notare che 50 milioni di euro in meno, significa ulteriori tagli: “10% in meno per i Comuni che sono già stremati così come per le altre categorie”. Chiedono dunque che il testo torni nelle Commissioni di merito per trovare soluzioni.

L’assessore- commissario, Alessandro Baccei, nega che si stratta di tagli: “Per ora abbiamo scongelato 500 milioni, gli altri 50 milioni arriveranno dal saldo positivo relativo al Fondo sanitario nazionale. Non serve una legge, li avremo con un atto amministrativo”.

Il solito rimando al futuro, ha surriscaldato l’Aula. Urla dagli scranni e continui rimproveri di Antonio Venturino, che sta presiedendo l’Aula, nei confronti dei deputati Milazzo e Lentini, che di tacere, non ne vogliono sapere.

Ma il massimo della dialettica politica lo raggiunge il presidente della Commissione Bilancio, Vincenzo Vinciullo, che attacca con veemenza i colleghi dando loro dei bugiardi: “Voi mentite!! Ma questi soldi ai Comuni li volete dare o no”? Mostra così la sua contrarietà al rinvio in Commissione che allungherebbe i termini.

Forza Italia insiste: cosa è meglio allungare un po’ i termini o tagliare risorse? A questo punto, Vincenzo Figuccia si avvicina sbraitando allo scranno di Vinciullo che diventa paonazzo e sfoggia tutta la sua ars oratoria: “Lei è un cane rognoso” dice al collega. Complimenti vivissimi.

L’Aula comunque vota la proposta di rinviare il testo in Commissione: 53 votanti su 53 presenti, 26 contrari, 26 favorevoli e un astenuto. La proposta non passa. Martedì il termine ultimo per gli emendamenti e la discussione generale in Aula.

La seduta è ancora in corso. Si dovrebbe tornare a parlare dell’accordo-truffa. Si prevedono nuove scintille e, probabilmente, si chiederà ufficialmente in prestito il dizionario degli scaricatori portuali. Vinciullo ne dovrebbe già avere una copia….

Intanto, arriva la nota di Figuccia: “Scopriamo ora che i fondi che lo Stato trasferirà alla Sicilia sono 500 milioni e non 550. Visto che il governo Crocetta e la sua maggioranza non hanno voluto rimandare in commissione la legge di variazione del bilancio, si dia priorità nella spesa e nella dotazione dei capitoli di bilancio per il pagamento degli stipendi dei precari, dei Pip, del personale Esa e di tutte quelle categorie che aspettano da mesi gli emolumenti che gli sono dovuti. Non è pensabile- continua Vincenzo Figuccia-  che stante la riduzione del trasferimento statale si facciano tagli orizzontali penalizzando ancora una volta quei lavoratori che a vario titolo finora hanno pagato le conseguenze di un bilancio regionale con un buco enorme. Del resto gli effetti di questo accordo pessimo tra Stato e Regione sono sotto gli occhi di tutti”.
Sul tema:


Costa: “Un ricorso al TAR contro l’accordo Stato-Regione”

Gli scippi alla Sicilia ‘benedetti’ da Panepinto, comunista-transformer di Agrigento

Regione/ Il nuovo ‘Patto’ Renzi-Crocetta è frutto di circonvenzione di incapace

Sicilia ‘incaprettata’: i veri responsabili sono i parlamentari e i dirigenti del PD siciliano

Lady Ascar colpisce ancora: “Al fianco del prode Baccei”

Micciché: “Con Baccei la Sicilia è fottuta”. Sfiducia in vista?

Sorpresa: i 500 milioni di Euro del Governo Renzi arriveranno nel 2017!

29 Giugno 2016
http://www.inuovivespri.it/2016/06/29/ars-eloquendi-vinciullo-lei-e-un-cane-rognoso/







PRECARI, CROCETTA CI HA RIPENSATO, RISPUNTA L'AGENZIA DI FARAONE CHE NON PIACEVA A CROCETTA. MA ADESSO, A QUANTO PARE, IL GOVERNATORE HA CAMBIATO IDEA. E HA DECISO DI AFFRONTARE LA QUESTIONE IN MANIERA “CLIENTELARE”


REGIONE ED ENTI LOCALI

Precari, Crocetta ci ha ripensato
Rispunta l'Agenzia di Faraone


agenzia, crocetta, faraone, giunta, precari, Politica


Il governatore aveva criticato l'idea del sottosegretario ma ora vuole il nuovo carrozzone: 14 mila lavoratori dei Comuni verso la Resais.

di Accursio Sabella PALERMO - Pochi mesi fa per Crocetta si trattava solo di un “un modo clientelare per affrontare la questione”. E invece adesso proprio il governatore sta pensando di riciclare l'idea del sottosegretario Davide Faraone e creare, così, la cosiddetta “Agenzia dei precari”.

Una idea che era finita dentro un emendamento firmato da Faraone già durante i lavori della scorsa legge di stabilità nazionale. Una proposta ritenuta poi inammissibile dalla commissione bilancio, e accompagnata da critiche e dubbi. Giunti soprattutto dal mondo della politica. Per il Movimento cinque stelle, infatti, quella Agenzia era poco più che “una sparata”. Per Crocetta, come detto, una boutade clientelare.

Che adesso, però, rischia di tornare buona proprio al governo regionale. Ieri, a Palazzo d'Orleans, doveva tenersi un incontro a tre tra il presidente della Regione, l'assessore all'Economia Alessandro Baccei e l'assessore alle Autonomie locali Luisa Lantieri, per parlare proprio della rinascita dell'Agenzia, che presto potrebbe vedere la luce. Una riunione poi rinviata a data da destinarsi. Ma l'idea non è tramontata. Anzi. E l'Agenzia potrebbe coincidere con un trasferimento di risorse e funzioni alla Resais, la società regionale che svolge compiti simili, e oggi guidata dall'ex assessore di Lombardo, Nicola Vernuccio.

“Dovrà trattarsi però – precisa Luisa Lantieri – di una proposta seria e fattibile: non abbiamo intenzione di cadere negli slogan o negli annunci puramente propagandistici”. E in effetti, la strada verso l'Agenzia unica dei precari, un soggetto “misto” pubblico-privato che fungerà, sostanzialmente, da ente per la somministrazione del lavoro per gli oltre 14 mila precari degli enti locali, è ancora lunga.

“Intanto – spiega ad esempio Lantieri – dobbiamo ricordarci che c'è una legge in vigore per regolamentare il settore, ed è la cosiddetta 'legge D'Alia' che fissa termini e paletti. Servirà, quindi, innanzitutto una deroga”. Ma non solo. Perché poi bisognerà opeare il monitoraggio dei posti effettivamente liberi nelle piante organiche degli enti. “Difficilmente – afferma l'assessore alle Autonomie locali – possiamo pensare che quei precari possano trovare tutti posto nei Comuni”. E poi, non mancano le altre difficoltà, come quelle relative alla mobilità dei dipendenti, che non possono al momento essere inviati in sedi lavorative più distanti di 50 chilometri da quella d'origine.

Ma il governo regionale adesso sta prendendo seriamente in considerazione l'ipotesi-agenzia, nonostante il gelo col quale il governatore aveva accolto la proposta di Faraone. E potrebbe essere questa una delle risposte che Crocetta riserva a sindaci e lavoratori che oggi sfileranno per il centro di Palermo, proprio per protestare contro i ritardi e le inefficienze dell'esecutivo sul tema dei precari. Una manifestazione che si terrà nonostante le notizie provenienti dall'Ars, dove i deputati hanno approvato una norma che sposta dal 30 giugno al 30 settembre la data per l'avvio, da parte dei Comuni, dei processi di stabilizzazione: “Forse non appare chiaro – hanno detto Leoluca Orlando e Mario Emanuele Alvano, rispettivamente presidente e segretario generale dell’AnciSicilia - che avere spostato la data non affronta né tantomeno risolve il problema dei precari. Non è più tempo di 'contentini' che servono solo a perdere tempo e a 'tirare a campare'. Tale modifica normativa non può in alcun modo rappresentare una soluzione né per i precari dei comuni né per il personale - tutto - delle ex province. Per questi motivi – proseguono Orlando e Alvano - confermiamo le ragioni della manifestazione unitaria, organizzata dalla nostra Associazione e da tutte le rappresentanze dei lavoratori, che si svolgerà domattina con l’obiettivo di trovare, una volta per tutte, una soluzione al dramma degli oltre 14 mila precari dei comuni senza togliere certezze ai lavoratori delle ex province, chiediamo, quindi, ancora una volta, - aggiungono - un’assunzione di responsabilità per una soluzione strutturale anche rispetto ai comuni in dissesto e pre-dissesto, che, in considerazione del fatto che sono destinati ad aumentare sempre  di più, non possono essere considerati come una categoria isolata”.

E la partita è anche, ovviamente, politica. Proprio pochi giorni fa il sottosegretario Faraone aveva puntato l'indice contro il governo Crocetta: “I soldi alla regione il governo nazionale li ha già dati, gli ormai famosissimi 500 milioni di euro previsti nel dl enti locali, e abbiamo già fornito anche, bello e fatto, un piano sulle piante organiche e sulla ipotesi di creazione dell'agenzia che stabilizzi tutti i precari e li renda funzionali al servizio dei cittadini. Eppure nonostante questo tutto è fermo in una condizione di stallo dannoso e immotivato. Cosa aspettano in Regione? Le risorse ci sono – ha aggiunto - e con gli assessori regionali Lantieri e Baccei, insieme al Sottosegretario Rughetti, abbiamo avviato un tavolo di lavoro per definire l’Agenzia dei precari che consentirebbe di risolvere la questione”. L'Agenzia che non piaceva a Crocetta. Ma adesso, a quanto pare, il governatore ha cambiato idea. E ha deciso di affrontare la questione in maniera “clientelare”.

30 Giugno 2016
http://livesicilia.it/2016/06/30/precari-crocetta-ci-ha-ripensato-rispunta-lagenzia-di-faraone_763832/





FORESTALI, A BREVE GLI INCARICHI PER I DUE FUNZIONARI ARRESTATI. CAMPANELLA: QUESTO SILENZIO, INSIEME ALLA BOZZA DI RIFORMA DEI FORESTALI VENTILATA SULLA STAMPA NEGLI SCORSI GIORNI, IMPONE UNA PROFONDA RIFLESSIONE SUL COMPARTO


Forestali, a breve gli incarichi per i due funzionari arrestati. Campanella: “Sul silenzio di Crocetta ombra di un ritorno al passato”




Palermo, 29 giugno 2016 – “Nei prossimi giorni i forestali arrestati e rientrati in servizio, Giuseppe Quattrocchi e Salvatore Marranca, potrebbero ricevere gli incarichi ed essere assegnati ai nuovi uffici.

“Registro una crescente preoccupazione per l’assegnazione dei due funzionari, nel silenzio più assoluto della politica. Com’è possibile che Rosario Crocetta, sempre pronto a schierarsi e prendere posizioni, in questo caso non proferisca parola? Questo silenzio, insieme alla bozza di riforma dei forestali ventilata sulla stampa negli scorsi giorni, impone una profonda riflessione sul comparto. Il timore, fondato, è quello di un pericoloso ritorno al passato, a una gestione di potere antica, i cui effetti sono ancora sotto gli occhi di tutti”. Lo dichiara in una nota il senatore di Sinistra Italiana, Francesco Campanella.

29 Giugno 2016
https://francescocampanella.org/2016/06/29/forestali-a-breve-gli-incarichi-per-i-due-funzionari-arrestati-campanella-sul-silenzio-di-crocetta-ombra-di-un-ritorno-al-passato/





Notizie correlate:











Tangenti: aperta inchiesta su appalto torrette antincendio. Gli investigatori avrebbero trovato documenti con nomi di politici e funzionari regionali con accanto indicate somme di denaro